Festival-laboratori palascianiani di scienza, filosofia, poesia, arti varie, gioco e umana armonia: 1. Il laboratorio musicale di Marco Palasciano, 2. La grande ruota delle umane cose, 3. De natura mundi, 4. Euristicon, 5. Arca Arcanorum, 6. Urna Maris barocca, 7. Encyclopædia Cœlestis, 8. Le 77 meraviglie dell'Ottocento palascianiano, 9. Maieuticon, 10. Oniricon, 11. Dal Paleolitico a Palasciania, 12. Ortelius Room. Per maggiori dettagli cliccar qui:

venerdì 24 giugno 2016

«ò», «ài», «à», «ànno»

:) Sapevate che «ho», «hai», «ha», «hanno» possono anche scriversi «ò», «ài», «à», «ànno»?

Ancor oggi, difatti, «La settimana enigmistica» adopra tali forme ne' suoi enimmi, all'occorrenza.

E io stesso frequentemente le adopro, in ispecie ond'evitare cacografie quali «ch'ho» e «ch'hanno»: meglio «ch'ò» e «ch'ànno»... per quanto l'acca dovrebbe, di norma, cadere, innanzi a vocali diverse da «e» ed «i»; ma il fonoocchio del lettore medio, temo, leggerebbe «c'ò» come «ci ho», ecc.

E poi, di bel conforto m'è qualch'esempio quale, in Petrarca, «se non se alquanti ch'ànno in odio il sole», o, in Marco Polo, «E ancora questi ch'ànno queste tavole».

;) Avete qualcosina da obiettare? bene: prima leggete Il meraviglioso discorso del panstilista puro*, poi ne parliamo, magari. Non vorrei sprecaste fiato a ridir cose ch'altri m'abbiano già spappardellate ad abundantiam.

* Se tanto non bastasse, e si desiderasse saperne un po' di più sulla concezione palascianiana della lingua, vedasi anche il resoconto della lezione De vulcani eloquentia.

Nessun commento: