Festival-laboratori palascianiani di scienza, filosofia, poesia, arti varie, gioco e umana armonia: 1. Il laboratorio musicale di Marco Palasciano, 2. La grande ruota delle umane cose, 3. De natura mundi, 4. Euristicon, 5. Arca Arcanorum, 6. Urna Maris barocca, 7. Encyclopædia Cœlestis, 8. Le 77 meraviglie dell'Ottocento palascianiano, 9. Maieuticon, 10. Oniricon, 11. Dal Paleolitico a Palasciania, 12. Ortelius Room. Per maggiori dettagli cliccar qui:

martedì 18 ottobre 2011

Uno spot in versi di Silvia Tessitore e un mio sonetto a commento

Lamentavo ieri, via Facebook, la scarsa affluenza di persone fisiche (vedi qui) alla terza puntata di De natura mundi; e stamattina Silvia Tessitore, in sua bacheca, non solo ha condiviso il link al programma del seminario, ma l'ha accompagnato colla graziosa stanza in endecasillabi e settenari che segue.
Mi giunge voce che lo Palasciano
– per troppi versi un genio,
indi per sua natura un incompreso –
minaccia lo supremo sacrificio
se le sue prolusioni van deserte.
Orsú, Caserta cólta,
lèvati dai tuoi ozi e vagli incontro,
ché De natura mundi è il suo sudore,
la tempra dei suoi nervi e del suo ingegno.
Vorresti maï tu pagargli in pegno
lo scrupol d’un’assenza indifferente?
Silvia Tessitore.

Grato e onorato, ho ratto commentato:
Son qui già pronto con la corda al collo,
la Tessitor non mente; alta è la trave,
tremante lo sgabello, ahi genti prave
che non faceste lo sperato affollo!

Ma ancor si può mutare protocollo,
nel senso opposto può girar la chiave,
in dolce canto volger l’urlo grave,
chi muor d’inedia vivere satollo.

Sorreggimi, o Caserta! Nulla vendo,
tutto è gratis; né sai che perdi, bada!
Perciò non fare come chi vedendo

pencolare un macigno lascia cada,
per strafottenza, e ch’esso con orrendo
fracasso scassi sé nonché la strada.

Nessun commento: